h1

La recensione dello scrittore Alessio Pracanica

giugno 5, 2009

“ Chissà chissà
la nave passerà
chissà se là
qualcuno salirà
Laggiù laggiù
nell’indaco laggiù
foschia foschia
enigma e fantasia… “
(P. Conte – Chissà)

“… accettare
che esista terra,
esista gente ad aspettare
ancore, funi senza scopo
ormeggi vuoti, luci invisibili
tutti i sorrisi accesi,
bandiere stese, a sventolare … “
(A. Pracanica – Diario di bordo di un fuochista fuori moda)

Un nonno di quelli di una volta, in tuta da elettricista e con il sorriso da brava persona. Una nave, apparentemente grande, in realtà minuscola in mezzo a tutto quel mare. Sullo sfondo il bianco e nero della storia, in cui la nave stessa diventa un ponte, teso tra l’Europa e il lontano Oriente, tra l’oggi e il ieri, tra il ricordo e la memoria.
Questo libro, a non volerlo rovinare, dopo averlo letto, verrebbe voglia di staccare le pagine e farci tante barchette di carta, da mandare per il mondo navigando. Invece ci tocca metterlo in una libreria, per rispetto alle parole ed alle immagini che contiene, eleganti, affettuose, acute, mai banali e soprattutto all’autrice, cui si può muovere un solo minuscolo rimprovero, non averlo corredato di fogli bianchi lacerabili, da farci barchette e poter continuare a navigare ancora un po’, di bolina e di fantasia, risalendo il vento della storia.

Alessio

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: